Cerca nel blog

venerdì 26 febbraio 2016

IN EQUILIBRIO LUNGO IL CONFINE –Viaggio in Thailandia – parte 14 IL TALENTO SOCIALE… QUESTO SCONOSCIUTO! -4-

                                 “La volpe sa fare molte cose. Il riccio una sola, ma molto bene” (Isaiah Berlin)




4. Umiltà.
Una dote spesso nascosta e difficilmente visibile, ma fondamentale se si vuole essere volontari. Essere umili, usando un’immagine, è riuscire ad essere come un riccio che sa fare una sola cosa ma la sa fare molto bene.
Fare bene ciò che si sceglie di fare non è scontato e continuare a farlo anche nei momenti di sconforto e difficoltà lo è ancora meno.
L’umiltà dunque va a braccetto con la coerenza.
La coerenza è la “capacità d’ispirare il nostro viaggio interiore, è l’essere insieme locali ed universali, minuziosi e grandiosi, realisti e poeti”.
In queste due semplici ma potenti parole sta il fondamento del volontariato: umiltà e coerenza!

5. Intelligenza emotiva. Quinta ed ultima caratteristica dell’essere volontari.
L’intelligenza emotiva può essere considerata come il riassunto di quello che è il talento sociale.
Il significato di questa parola è la capacità di una persona di percepire,controllare, valutare ed esprimere emozioni., dunque persone capaci di gestire meglio la responsabilità, con una forte motivazione di base, spiccata empatia, elevata consapevolezza di sé.

L’intelligenza emotiva può essere suddivisa in cinque sotto-categorie: consapevolezza, dominio di sé, motivazione, empatia ed abilità sociali.
La consapevolezza è necessaria per saper controllare le proprie emozioni ed entrare in uno stato di sintonia con esse permettendo di acquisire maggiore sicurezza su quello che si da dare agli altri.
Il dominio di sé (o auto regolamento) aiuta a non essere persone resistenti al cambiamento, dunque è la capacità di utilizzare e proprie emozioni per uno scopo.
La motivazione indica la capacità di darsi obiettivi e di raggiungerli ed aiuta a non abbattersi davanti agli ostacoli che possono accadere nel percorso.
L’empatia è intesa come quella capacità profonda di sentire l’altro e cercare di vedere il mondo con il punto di vista altrui e non solo con il proprio
Infine le abilità sociali sono intese come quelle capacità di stare con le persone e di scorgerne i movimenti per poter entrare in sintonia con loro e costruire qualcosa di nuovo ed unico.

I concetti fin’ora descritti possono sembrare solo parole messe nere su bianco ma credo abbiano una fondamentale importanza per ogni individuo ed in particolare per chi si affaccia al mondo del volontariato.
Ricordiamo che  tutto s’impara perché dove non arriva il talento, arriva la tenacia.
Essere volontari, dunque, c’insegna ad essere d’aiuto perché sappiamo che fare il bene fa stare bene, anche se questa dovrebbe sempre essere la conseguenza  e non l’obiettivo. Non siamo in un luogo a svolgere volontariato per noi stessi e per risolvere magari i nostri momenti di crisi o problemi esistenziali, ma ricordiamoci che siamo in quel luogo perché abbiamo scelto di aiutare gli altri.

Concludo usando le parole di Severgnini il quale afferma che  il volontario “è un minatore di talento ed uno spacciatore di entusiasmo”!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

siamo anche social

Condividi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Instagram