Cerca nel blog

venerdì 30 ottobre 2015

IN EQUILIBRIO LUNGO IL CONFINE: viaggio in Thailandia parte 4

A volte nascono riflessioni inattese e profonde che mi fanno comprendere quanto il viaggiare sia una risorsa continua di spunti, di incontri, di natura spettacolare, di culture diverse, di continue e costanti connessioni che legano il pianeta terra e tutto ciò che lo rende tale.
E nascono riflessioni come questa:

Come foglie, mosse dal piacevole vento di oggi, così mi appare la vita presente dei volti che incontro.
Come foglie, che bramano i raggi del sole per dare luce alla loro esistenza silenziosa, così mi appaiono gli occhi che incontro.
Come foglie, alla ricerca d'acqua per dare ristoro alla loro sete, così mi appare la ricerca di significato degli esseri umani.
Come foglie, verdi e unite ai loro rami, così mi appare la presenza di volti amici e conosciuti.
Come foglie, che instancabilmente condividono bellezza e fatica del tempo che muta e delle stagioni che si rincorrono, così mi appare la profonda radice che tieni insieme connessioni invisibili di umanità.

Camminare per la cittadina di Mae Sot dà proprio questa sensazione di “connessioni invisibili di umanità”.
Una costante tensione verso un equilibrio che però è molto complesso da raggiungere, nonostante la tranquillità e la grande tolleranza che caratterizza la popolazione tailandese.

E tra non molto scoprirete il perché…

A cura di C.L.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

siamo anche social

Condividi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Instagram