Cerca nel blog

mercoledì 11 novembre 2015

Salerno in fiore

Ben ritrovati in questa visita virtuale alla scoperta di Salerno, una città in continuo progresso, ricca di iniziative per la salvaguardia della società e dell’ambiente.



Tra le più belle iniziative c’è sicuramente la “Mostra della Minerva”, una fiera annua per innalzare la bellezza della natura. Quest’anno è stata la 15° edizione, è divenuto ormai un appuntamento prestigioso sul territorio nazionale ed ogni anno si riuniscono vari stand nella villa comunale. L’iniziativa, ha lo scopo di accentuare la sostenibilità e l’etica ambientale, e ci riesce sicuramente bene, passeggiando nella già meravigliosa villa arricchita di stand accuratamente selezionati con prodotti artigianali, erbe medicinali, piante ornamentali, cosmetici naturali, spezie.


Fra la grande moltitudine di stand, sicuramente non passa inosservato quello dell’Università degli studi di Salerno. Propone offerte formative per la facoltà di farmacia, con master di primo livello in prodotti erboristici e fisioterapici. L’Unisa, ubicata in Fisciano (SA), rende ulteriormente omaggio a questa poliedrica città.

In onore della 15° edizione della mostra è stato realizzato un dipinto di un fiore molto particolare per la sua forma a campana e il suo colore, viola ed oro. L’autore Salernitano, Giorgio Della Monica, famoso in Italia ed all’estero per le sue opere di natura morta, paesaggi, figure.



Quest’anno alla mostra si è effettuata la premiazione del concorso nazionale “Eleggi l’albero dell’anno”, organizzato dell’Associazione Adea, amici degli alberi. È stato premiato un maestoso Pino delle Canarie, con l’appellativo di albero più bello d’Italia. L’albero si trova nella storica Villa Ravaschieri di Roccapiemonte, un paesino in provincia di Salerno.

La “Mostra della Minerva” è organizzata dall’associazione Hortus Magnus fondata nel 1998, il nome vuol rimandare agli orti ed ai giardini terrazzati della Salerno medioevale, oggi conosciuti come Giardini della Minerva, situati intorno al torrente Fusandola. Il logo dell’associazione rappresenta la “Calocasia Antiquorum”, pianta di cui viene segnalata la presenza da Matteo Silvatico, un colto botanico e medico, nella sua opera principale Opus Pandectarum Medicinae: “..ed io ho una Calocasia a Salerno nel mio giardino, presso una fonte cospicua.”.


I Giardini della Minerva furono proprietà della famiglia Silvatico fin dal XII secolo, considerati primo Orto Botanico d’Europa, Matteo Silvatico vi svolgeva lezioni didattiche per agli allievi della Scuola Medica Salernitana, mostrando loro le piante e le loro caratteristiche. Matteo era un grande conoscitore di piante per utilizzo medico, nel suo più celebre scritto Opus Pandectarum Medicinae, pubblicato per la prima volta a Napoli nel 1474, analizza oltre 480 specie di piante, ognuna descritta nei minimi particolari, definite con nome di origine araba, greca, latina.

Le fondamenta della Scuola Medica Salernitana poggiano sulla dottrina dei quattro umori, legata al concetto di armonia che sostiene l’Universo e l’Uomo, lo squilibrio di tale armonia provoca la malattia. Questo concetto viene perfezionato con l’influenza dei Pitagorici, per loro la vita è costituita da quattro elementi: terra, aria, fuoco, acqua con relative qualità: secco, freddo, caldo, umido. In fine ci sono gli umori in rapporto diretto con gli elementi e le loro qualità: sangue, flegma, bile gialla, bile nera. La combinazione di questi umori definisce il temperamento dell’uomo, ovvero le sue qualità mentali e fisiche. La malattia è intesa come eccesso di umore rispetto agli altri, viene risolto con l’assunzione di un prodotto naturale dell’umore opposto.

La bellezza di questi Giardini ricchi di storia, è sicuramente racchiusa nell’incredibile quantità di piante che possiede: Bislingua, Calocasia, Pigamo Giallo, Tormentilla, Silene Coronaria, Valeriana Rossa, Ginestra Odorosa ed molte altre varietà di piante, anche alberi da frutto quali: Cotogno e Corbezzolo.


Dopo un’inebriante passeggiata tra la natura perché non assaporarne gli aromi?
All’ingresso dei Giardini è presente una Tisaneria & Bookshop, dove è possibile assaporare tisane sia calde che fredde con una splendida vista panoramica di Salerno. La parte interessante è che ogni tisana, a seconda del contenuto, cambia stato umorale. Vi consiglio vivamente di visitare questi stupendi giardini dai mille profumi.




A cura di MON
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

siamo anche social

Condividi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Instagram